Sentenze in evidenza

Il DDL anticorruzione è legge

MATTEO RENZI

Il DDL anticorruzione è legge

Con 280 voti favorevoli, 53 contrari e 11 astenuti, è stato approvato definitivamente a Montecitorio il ddl anticorruzione.

Per il premier Matteo Renzi “Siamo di fronte ad una svolta oggettiva e potremmo rivendicarlo come governo, perchè l’avevamo promesso e l’abbiamo fatto, ma è l’Italia che torna ad essere dalla parte della legalità“.

In breve ecco cosa prevede il testo approvato dalla Camera: più carcere per i principali reati contro la Pubblica Amministrazione ma anche sconti di pena per pentiti e collaboratori. Inoltre, viene reintrodotto il delitto di falso in bilancio che obbliga i condannati a restituire il maltolto e rinforza i poteri dell’Anac.

Inasprimento delle pene
Punita con una pena da sei a dieci anni di reclusione la corruzione propria, commessa da pubblici ufficiali, mentre va da 6 anni nel minimo e a 10 anni e 6 mesi nel massimo quella per induzione. La corruzione in atti giudiziari potrebbe portare ad una pena minima di 6 anni fino a 12.

Chi è stato condannato per un reato di corruzione avrà il divieto di contrarre con la PA per 5 anni e chi si macchia di un reato associativo di stampo mafioso sarà punito con la reclusione da 10 a 15 anni (in caso di associazione armata la pena della reclusione sarà aggravata e comporterà pene che vanno da un minimo di 12 anni ad un massimo di 20 e, per i capi dell’organizzazione, la pena andrà da un minimo di 15 anni ad un massimo di 26).

Il patteggiamento sarà condizionato alla restituzione del prezzo o del profitto del reato per i casi di corruzione per l’esercizio della funzione, in atti giudiziari, induzione indebita, concussione e peculato. Inoltre, per i reati di corruzione, concussione e turbativa d’asta pubblica il P.M. dovrà informare il presidente dell’Autorità Anticorruzione.

All’articolo 10 del ddl anticorruzione si parla del reato di falso in bilancio. Nel caso in cui i fatti oggetto della contestazione siano di lieve entità (valutata in base alla natura e alle dimensioni della società e dalla condotta dolosa) la pena sarà da un minimo di mesi 6 a un massimo di 3 anni.  Stessa pena per il falso in bilancio delle società che non possono fallire e il reato sarà perseguibile a querela di parte.
Il ddl anticorruzione prevede, poi, anche una ipotesi di non punibilità per particolare tenuità del falso in bilancio e sarà il giudice che dovrà valutare l’entità dell’eventuale danno cagionato alla società, ai soci o ai creditori.

Leggi il testo  del DDL anticorruzione

oppure cerca un altro argomento

Hai trovato questa pagina interessante? Condividila sui Social Network

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...
Invia un articolo