Sentenze in evidenza

Accattonaggio e riduzione in schiavitù

Riduzione in schiavitù e accattonaggio

Riduzione in schiavitù e accattonaggio

 

Costretti a fare i “mimi”per strada. Per la Cassazione è accattonaggio e riduzione in schiavitù
Corte di Cassazione – Sentenza n. 16313/2013

La Cassazione con la sentenza n.16313/2013 che di seguito si riporta in pdf, ha trattato un tema molto importante che riguarda l’art. 600 c. p.

Art. 600 c.p.
Riduzione o mantenimento in schiavitù o in servitù

Chiunque esercita su una persona poteri corrispondenti a quelli del diritto di proprietà ovvero chiunque riduce o mantiene una persona in uno stato di soggezione continuativa, costringendola a prestazioni lavorative o sessuali ovvero all’accattonaggio o comunque a prestazioni che ne comportino lo sfruttamento, è punito con la reclusione da otto a venti anni .
La riduzione o il mantenimento nello stato di soggezione ha luogo quando la condotta è attuata mediante violenza, minaccia, inganno, abuso di autorità o approfittamento di una situazione di inferiorità fisica o psichica o di una situazione di necessità, o mediante la promessa o la dazione di somme di denaro o di altri vantaggi a chi ha autorità sulla persona.
La pena è aumentata da un terzo alla metà se i fatti di cui al primo comma sono commessi in danno di minore degli anni diciotto o sono diretti allo sfruttamento della prostituzione o al fine di sottoporre la persona offesa al prelievo di organi.

La Corte ha ritenuto colpevoli del reato di cui all’altricolo appena citato due rumeni perchè costringevano delle loro connazionali all’accattonaggio tramite spettacoli da mimo.

Secondo gli ermellini infatti, i due uomini obbligati a fare imitazioni per strada sarebbero stati privati della loro libertà individuale con minacce e non avrebbero potuto sottrarsi alla “prestazione per così dire lavorativa”.

Leggi il testo della sentenza n. 16313/2013

oppure cerca un altro argomento

Hai trovato questa pagina interessante? Condividila sui Social Network

About Avv. Giuseppe Tripodi (1569 Articles)
Ideatore e fondatore di questo blog, iscritto all'Ordine degli Avvocati di Palmi e all'Ilustre Colegio de Abogados de Madrid; Sono appassionato di diritto e di fotografia e il mio motto è ... " il talento non è mai stato d'ostacolo al successo... "
Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...

4 Comments on Accattonaggio e riduzione in schiavitù

  1. Articolo consigliato:
    Costretti a fare i "mimi"per strada. Per la Cassazione è accattonaggio e riduzione in schiavitù – Corte di Cassazione – Sentenza n. 16313/2013

  2. Articolo consigliato:
    Costretti a fare i "mimi"per strada. Per la Cassazione è accattonaggio e riduzione in schiavitù – Corte di Cassazione – Sentenza n. 16313/2013

  3. Costretti a fare i "mimi"per strada. Per la Cassazione è accattonaggio e riduzione in schiavitù – Corte di Cassazione – Sentenza n. 16313/2013
    Dovevano fare piazza pulita e mandarli tutti in galera sti sfruttatori… anzi che questi facevano i "mimi" purtroppo sappiamo bene quali altre schifezze fanno…

  4. Costretti a fare i "mimi"per strada. Per la Cassazione è accattonaggio e riduzione in schiavitù.
    Non scorderò mai il volto della bambina che vedevo tutti i giorni andando all'università in braccio alla mamma (che non aveva scrupoli a portarla con sè alle 7 del mattino d'inverno) che poi ho rivisto sul giornale gratuito che passano in metropolitana con la notizia che la madre le ha bruciato il viso per fare più pietà alla gente… bastardi

I commenti sono bloccati.

Invia un articolo