Sentenze in evidenza

Colpevolezza imputato e attendibilità della prova dichiarativa

Sentenza 12 giugno – 30 ottobre 2014, n. 45061

Colpevolezza imputato e attendibilità della prova dichiarativa
Corte di Cassazione VI Sezione Penale
Sentenza 12 giugno – 30 ottobre 2014, n. 45061
Presidente Garribba – Relatore Leo

La Cassazione, con la sentenza che di seguito si riporta, trattando un caso di concussione, ne ha approfittato per chiarire alcuni aspetti riguardanti le prove assunte nel processo penale.

In particolare, la Cassazione si è soffermata nel ribadire un importante principio di diritto secondo il quale il giudice che fonda la colpevolezza dell’imputato sulla base di una prova dichiarativa deve, a pena di annullamento della sentenza, spiegarne l’attendibilità.

Cassazione

Si legge in sentenza “sono obiettivamente peculiari i “doveri” di argomentazione che gravano sul giudice d’appello quando lo stesso decide di ribaltare un deliberato di assoluzione: “non basta, in mancanza di elementi sopravvenuti, una mera e diversa valutazione del materiale probatorio già acquisito in primo grado ed ivi ritenuto inidoneo a giustificare una pronuncia di colpevolezza, che sia caratterizzata da pari o addirittura minore plausibilità rispetto a quella operata dal primo giudice, occorrendo, invece, una forza persuasiva superiore, tale da far venir meno ogni ragionevole dubbio

La regola assume connotazione particolare quando la “rivisitazione” concerna una prova dichiarativa, e risulta determinante, nell’economia delle decisioni di assoluzione e di condanna, il giudizio sulla idoneità dimostrativa della medesima a sorreggere l’enunciato accusatorio.

Continuano i giudici affermando che “l’eventuale incompletezza del ragionamento assolutorio, e perfino la scarsa sua persuasività, non legittimano una successiva decisione di condanna a meno che la stessa non ricostruisca in piena autonomia, con motivazione di particolare completezza ed incisività, i fatti rilevanti della causa.
L’atteggiamento assunto dalla Corte territoriale ha implicato che fossero lasciate senza apprezzamento le considerazioni critiche della difesa, più o meno attendibili, ma certo pertinenti, riguardo alla prova risultata decisiva per l’accusa“.

Leggi il testo della sentenza

oppure cerca un altro argomento

Hai trovato questa pagina interessante? Condividila sui Social Network

About Avv. Giuseppe Tripodi (1570 Articles)
Ideatore e fondatore di questo blog, iscritto all'Ordine degli Avvocati di Palmi e all'Ilustre Colegio de Abogados de Madrid; Sono appassionato di diritto e di fotografia e il mio motto è ... " il talento non è mai stato d'ostacolo al successo... "
Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...
Invia un articolo