Sentenze in evidenza

Decreto Monti, cosa cambia? Commentiamolo articolo per articolo.

E’ stato pubblicato il 24/01/2012 sulla Gazzetta Ufficiale il testo completo del Decreto Monti – Ecco i principali cambiamenti: entrano in vigore le liberalizzazioni per: le imprese (art. 1), il tribunale per le imprese (art. 2), i professionisti (art. 9), le farmacie (art. 11), i notai (art. 12), i carburanti (artt. 17-20), l’energia (art. 21-24), le banche (art. 27), le assicurazioni connesse all’erogazione di mutui immobiliari (art. 28), le assicurazioni responsabilità civile (artt. 30-34) e le edicole (art. 39).

Abrogazione delle tariffe professionali e sconti sui farmaci; Sconti per chi istalla la scatola nera in auto; Liberalizzazione di quotidiani, tabacchi e generi alimentari per le pompe di benzina; Semplificazione per la nascita delle s.r.l. per i giovani sotto i 35 anni (capitale sociale a partire da €. 1,00);

Per leggere il testo completo: GU n. 19 del 24-1-2012 – Supplemento Ordinario n. 18.   Clicca qui

Mi piace                                                                                home

oppure cerca un altro argomento

Hai trovato questa pagina interessante? Condividila sui Social Network

About Avv. Giuseppe Tripodi (1569 Articles)
Ideatore e fondatore di questo blog, iscritto all'Ordine degli Avvocati di Palmi e all'Ilustre Colegio de Abogados de Madrid; Sono appassionato di diritto e di fotografia e il mio motto è ... " il talento non è mai stato d'ostacolo al successo... "
Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...

2 Comments on Decreto Monti, cosa cambia? Commentiamolo articolo per articolo.

  1. Iniziamo dagli Avvocati :
    Sono abrogate le tariffe delle professioni regolamentate nel sistema ordinistico.
    Il compenso per le prestazioni professionali e’ pattuito al momento del conferimento dell’incarico professionale.
    Deve altresi’ indicare i dati della polizza assicurativa per i danni provocati nell’esercizio dell’attivita’ professionale.
    La durata del tirocinio previsto per l’accesso alle professioni regolamentate non potra’ essere superiore a diciotto mesi e per i primi sei mesi, potra’ essere svolto, in presenza di un’apposita convenzione quadro stipulata tra i consigli nazionali degli ordini e il ministro dell’istruzione.
    L’inottemperanza di quanto disposto nel presente comma costituisce illecito disciplinare del professionista.

  2. In breve – Farmacie:

    “Il numero delle autorizzazioni e’ stabilito in modo che vi sia una farmacia ogni 3000 abitanti.
    Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sentiti l’unita’ sanitaria locale e l’ordine provinciale dei farmacisti competenti per territorio, possono istituire una farmacia:
    a) nelle stazioni ferroviarie, negli aeroporti civili a traffico internazionale, nelle stazioni marittime e nelle aree di servizio autostradali ad alta intensita’ di traffico, servite da servizi alberghieri o di ristorazione, purche’ non sia gia’ aperta una farmacia a una distanza inferiore a 200 metri;
    b) nei centri commerciali e nelle grandi strutture di vendita con superficie superiore a 10.000 metri quadrati, purche’ non sia gia’ aperta una farmacia a una distanza inferiore a 1.500 metri.

    I turni e gli orari di farmacia stabiliti dalle autorita’ competenti in base alle vigente normativa non impediscono l’apertura della farmacia in orari diversi da quelli obbligatori. Le farmacie possono praticare sconti sui prezzi di tutti i tipi di farmaci e prodotti venduti pagati direttamente dai clienti, dandone adeguata informazione alla clientela.

    Il medico, nel prescrivere un farmaco, e’ tenuto, sulla base della sua specifica competenza professionale, ad informare il paziente dell’eventuale presenza in commercio di medicinali aventi uguale composizione in principi attivi, nonche’ forma farmaceutica, via di somministrazione, modalita’ di rilascio e dosaggio unitario uguali. Il medico aggiunge ad ogni prescrizione di farmaco le seguenti parole: “sostituibile con equivalente generico”, ovvero, “non sostituibile”, nei casi in cui sussistano specifiche motivazioni cliniche contrarie. Il farmacista, qualora sulla ricetta non risulti apposta dal medico l’indicazione della non sostituibilita’ del farmaco prescritto, e’ tenuto a fornire il medicinale equivalente generico avente il prezzo piu’ basso, salvo diversa richiesta del cliente.

I commenti sono bloccati.

Invia un articolo