Sentenze in evidenza

Dire a un bambino “Scioccherellino” è reato.

La Cassazione colpisce ancora e questa volta a farne le spese ( €.600 di multa e risarcimento del danno) è una signora abruzzase, condannata in tutti e tre gradi di giudizio, per aver “offeso il decoro” di un bambino.

Colpevole per aver detto una parola di troppo:  “scioccherellino“.

I Supremi Giudici della V sez. Pen., con la Sentenza 38297/11, hanno deciso che tale parola, risulta offensiva e idonea a configurare il reato di ingiuria, se pronunciata da un adulto nei confronti di un bambino, davanti ai suoi coetanei.

Del tutto inutile è stata la difesa della donna, la quale ha dichiarato che  la parola “scioccherellino” è, di per sè,  “inidonea a ledere l’onore e il decoro di chicchessia” e, comunque, di non aver mai avuto intenzione di offendere il bambino, “altrimenti avrebbe utilizzato termini più offensivi e avrebbe scelto il momento in cui la vittima era sola“.

In conclusione, per i Giudici, anche se “l’epiteto in questione appare astrattamente di debole portata offensiva, deve però rilevarsi come nel contesto dei fatti esso fu idoneo a manifestare un disprezzo lesivo del decoro della persona, tanto più in quanto diretto verso un minore di età e in presenza dei suoi coetanei“.

Mi piace                                                                                home

oppure cerca un altro argomento

Hai trovato questa pagina interessante? Condividila sui Social Network

About Avv. Giuseppe Tripodi (1574 Articles)
Ideatore e fondatore di questo blog, iscritto all'Ordine degli Avvocati di Palmi e all'Ilustre Colegio de Abogados de Madrid; Sono appassionato di diritto e di fotografia e il mio motto è ... " il talento non è mai stato d'ostacolo al successo... "
Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...
Invia un articolo