Sentenze in evidenza

Estorsione per chi si approfitta dei lavoratori.

Commette il reato di estorsione il datore di lavoro che costringe i lavoratori, approfittando della situazione del mercato del lavoro, e con la minaccia del licenziamento, ad accettare un salario inadeguato. Questo principio di diritto è stato ribadito dalla Cassazione con la Sentenza n.4290/12, trattando il caso di un datore di lavoro (che ricorreva alla Corte contro la misura cautelare a cui era sottoposto) che faceva firmare ai lavoratori una quietanza corrispondente alla busta paga ma, per non essere licenziati e per paura di non trovare più lavoro presso altri imprenditori, dovevano poi restituirne una parte. La modalità di assunzione, il metodo di pagamento del salario e la minaccia insieme all’ingiusto profitto hanno trovato spazio nella motivazione della Cassazione che ha confermato gli arresti domiciliari.

Mi piace                                                            home

Cerca un altro argomento
Torna alla Homepage

Loading Facebook Comments ...
Invia un articolo
Email
Print