Sentenze in evidenza

Assistenza familiare: nessun reato se l’irregolarità del mantenimento è dovuta a difficoltà economiche.

Per la Cassazione le temporanee difficoltà economiche giustificano il versamento in ritardo dell’assegno di  mantenimento da parte del padre e, per questo motivo, quest’ultimo non può essere condannato.

La Corte giunge a tale decisione dopo aver analizzato il caso di un uomo separato che, a causa della crisi, aveva corrisposto in maniera irregolare l’assegno per  il mantenimento del figlio e, per questo, denunciato dalla ex moglie per sottrazione agli obblighi di assistenza familiare.

Ribaltando la decisione della presa dai giudici d’Appello, la Suprema Corte, con la sentenza n. 25596/2012, ha osservato che il reato previsto dall’art. 570 c. p. non può essere configurato in conseguenza di qualsiasi tipo di inadempimento ma occorre  che sia “serio e sufficientemente protratto (o destinato a protrarsi) per un tempo tale da incidere apprezzabilmente sulla disponibilità dei mezzi di sussistenza che il soggetto obbligato deve fornire”.

Inoltre, continua la Corte, deve essere accertata anche la volontà dolosa di sottrarsi all’adempimento degli obblighi di assistenza cosa che non si è verificata nel caso in specie poiché i ritardi sono stati brevi e dovuti a problemi economici temporanei dell’uomo.

oppure cerca un altro argomento

Hai trovato questa pagina interessante? Condividila sui Social Network

About Avv. Giuseppe Tripodi (1590 Articles)
Ideatore e fondatore di questo blog, iscritto all'Ordine degli Avvocati di Palmi e all'Ilustre Colegio de Abogados de Madrid; Sono appassionato di diritto e di fotografia e il mio motto è ... " il talento non è mai stato d'ostacolo al successo... "
Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...
Invia un articolo