Sentenze in evidenza

Ingiuria, assolto dopo aver chiamato “vipera” la suocera

suocera

 

Assolto dopo aver chiamato vipera la suocera

Suprema Corte di Cassazione Quinta Sezione Penale

Sentenza n. 5227 del 4 febbraio 2014 

(a cura della Dott.ssa Venusia Catania)

Non è ingiuria dare della “vipera” alla suocera lo dice la Cassazione assolvendo «perchè il fatto non sussiste» un uomo che, per questa parola, ripetuta più volte anche innanzi agli agenti intervenuti a placare una lite familiare, era stato condannato nel 2012 dal Tribunale di Nicosia (Enna).

Con la Sentenza n. 5227 del 4 febbraio 2014, la V sezione penale della Corte di Cassazione ha statuito che la frase «Mia suocera come una vipera», se pronunciata in un contesto familiare teso, senza ledere il decoro e l’onore, non è reato.

Dopo una lite familiare che ha richiesto l’intervento delle forze dell’ordine, il genero, nel descrivere l’accaduto ed il comportamento della suocera ha utilizzato per tre volte il termine “vipera”.

A seguito della denuncia per ingiuria della suocera nei confronti del genero, i giudici di prime cure hanno condannato l’uomo poiché l’espressione è considerata offensiva.

In Cassazione la tesi difensiva del genero si è basata sull’inoffensività del termine, poiché è stato pronunciato dopo un’accesa discussione ed in un contesto litigioso, e “comunque non indirizzato all’interessata, ma agli agenti intervenuti al fine di descrivere la scena“.

Gli ermellini hanno ritenuto fondata la difesa prospettata dell’uomo, poiché l’uso di una terminologia offensiva e lesiva del decoro e dell’onore della persona, non è da ritenersi tale se detta in una situazione di forte tensione infatti «Se è vero che il reato di ingiuria si perfeziona per il solo fatto che l’offesa al decoro o all’onore della persona avvenga alla sua presenza, è altrettanto vero – scrive l’alta Corte – che non integrano la condotta di ingiuria le espressioni che si risolvano in dichiarazioni di insofferenza rispetto all’azione del soggetto nei cui confronti sono dirette e sono prive di contenuto offensivo nei riguardi dell’altrui onore e decoro, persino se formulate con terminologia scomposta e ineducata».

In conclusione, ne “discende che la frase sopra riportata, pronunciata dopo un contrasto che aveva determinato l’intervento delle forze dell’ordine e per descrivere, nella concitazione del momento, le modalità dell’azione della suocera, non si connota in termini di offensività idonei a giustificare l’attivazione della tutela penale“.

Ingiuria
Articolo 594 Codice Penale

Chiunque offende l’onore o il decoro di una persona presente è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa fino a cinquecentosedici euro.
Alla stessa pena soggiace chi commette il fatto mediante comunicazione telegrafica o telefonica, o con scritti o disegni, diretti alla persona offesa.
La pena è della reclusione fino a un anno o della multa fino a milletrentadue euro, se l’offesa consiste nell’attribuzione di un fatto determinato.

 

oppure cerca un altro argomento

Hai trovato questa pagina interessante? Condividila sui Social Network

About Avv. Giuseppe Tripodi (1573 Articles)
Ideatore e fondatore di questo blog, iscritto all'Ordine degli Avvocati di Palmi e all'Ilustre Colegio de Abogados de Madrid; Sono appassionato di diritto e di fotografia e il mio motto è ... " il talento non è mai stato d'ostacolo al successo... "
Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...
Invia un articolo