Sentenze in evidenza

Legge Severino, il “no” delle Sezioni Unite alla linea dura. Sentenza Ruby

silvio_berlusconi_ruby_rubacuori23

Legge Severino, il “no” delle Sezioni Unite alla linea dura

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, affrontando il tema della normativa penale relativa alla legge Severino, hanno emesso una sentenza (o meglio un dispositivo di sentenza) che sta facendo molto discutere poichè l’interpretazione della Corte potrebbe sicuramente tornare utile all’ex premier per ottenere una sentenza più “indulgente” nell’appello del processo “Ruby”.

Oltre alla prostituzione minorile, nel suddetto processo, Berlusconi è stato condannato anche per il reato di concussione per costrizione alla pena di sette anni di carcere e all’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

Questa sentenza potrebbe presto cambiare poichè secondo quanto emerge da questa decisione, la Suprema Corte ha delineato una linea di applicazione meno rigida per il reato di cui all’art. 317 c.p. in quanto questa linea interpretativa permetterebbe alla difesa di Berlusconi di riconsiderare la questione nell’ambito di una accusa più lieve ovvero quella di induzione indebita che comporterebbe il vantaggio di una pena più mite, una prescrizione più breve e comunque niente pena accessoria.

Articolo 317 Codice Penale

Concussione
Il pubblico ufficiale che, abusando della sua qualità o dei suoi poteri, costringe taluno a dare o a promettere indebitamente, a lui o a un terzo, denaro o altra utilità è punito con la reclusione da sei a dodici anni.

 

Secondo quanto viene deciso dalla Corte di Piazza Cavour, l’interpretazione della legge Severino deve condannare duramente soltanto chi “limita radicalmente” la libertà del soggetto sul quale viene esercitata la pressione mentre, in maniera più mite, nel caso in cui si esercitano delle forme di “pressione non irresistibile”.

Per farla breve, secondo la Cassazione si deve individuare il limite di confine tra le due forme di costrizione e determinarne la giusta pena, tenendo conto appunto dello “spacchettamento” della fattispecie di reato creato con la legge Severino.

Secondo il chiarimento della Cassazione “La fattispecie di induzione indebita è caratterizzata da una condotta di pressione non irresistibile da parte del pubblico ufficiale o dell’incaricato di un pubblico servizio, che lascia al destinatario della stessa un margine significativo di autodeterminazione e si coniuga con il perseguimento di un suo indebito vantaggio” mentre nella concussione “si è in presenza di una condotta del pubblico ufficiale che limita radicalmente la libertà di autodeterminazione del destinatario”.

Restiamo in attesa di conoscere le motivazioni della sentenza che saranno pubblicate tempestivamente sul blog non appena disponibili.

Articolo 319 Quater Codice Penale

Induzione indebita a dare o promettere utilità

Salvo che il fatto costituisca più grave reato, il pubblico ufficiale o l’incaricato di pubblico servizio che, abusando della sua qualità o dei suoi poteri, induce taluno a dare o a promettere indebitamente, a lui o a un terzo, denaro o altra utilità è punito con la reclusione da tre a otto anni.

Ne casi previsti dal primo comma, chi dà o promette denaro o altra utilità è punito con la reclusione fino a tre anni.

 

Pubblicate le motivazioni della sentenza relativa al “Caso Ruby”  – Scarica il testo della Sentenza

 

 

oppure cerca un altro argomento

Hai trovato questa pagina interessante? Condividila sui Social Network

About Avv. Giuseppe Tripodi (1574 Articles)
Ideatore e fondatore di questo blog, iscritto all'Ordine degli Avvocati di Palmi e all'Ilustre Colegio de Abogados de Madrid; Sono appassionato di diritto e di fotografia e il mio motto è ... " il talento non è mai stato d'ostacolo al successo... "
Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...
Invia un articolo