Sentenze in evidenza

Anche gli episodi non gravi se ripetuti giustificano il licenziamento

licenziamento illegittimo

Anche gli episodi non gravi se ripetuti giustificano il licenziamento
Corte di Cassazione Civile – Sezione Lavoro – Sentenza n. 10959 del 9 Maggio 2013

In materia di lavoro la Suprema Corte ha stabilito che ogni singolo episodio che singolarmente non è tale da comportare il licenziamento del lavoratore ma è comunque idoneo ad incidere negativamente nel rapporto lavorativo deve essere concretamente valutato poichè insieme ad altre azioni, anche queste singolarmente ininfluenti, possono comportare il licenziamento del dipendente per giusta causa.

In poche parole, la Cassazione ha deciso che nel valutare ogni singola vicenda che comporta il licenziamento del lavoratore, in mancanza di un fatto grave di per sè idoneo a giustificarlo, si devono tenere in considerazione anche quei comportamenti ripetuti che presi singolarmente non giustificano il licenziamento del dipendente ma, considerati nell’insieme, determinano l’impossibilità di continuare il rapporto lavorativo e, pertanto, giustificano la suddetta sanzione disciplinare.

Nel caso esaminato dai Giudici la decisione presa dalla Corte d’Appello è stata cassata con rinvio poichè “la Corte infatti nell’esprimere un giudizio di sproporzione della sanzione irrogata rispetto alla condotta contestata ed accertata, ha, per un verso, del tutto omesso di valutare alcune circostanze di fatto, emerse nel corso dell’istruttoria e, per altro verso, mancato di verificare se le stesse, poste in relazione con le altre condotte accertate, fossero, ove complessivamente valutate, rivelatrici di un comportamento del dipendente che violava i doveri di correttezza e buona fede nell’esecuzione del rapporto, così giustificandone la risoluzione“.

Articolo 2119 Codice Civile
Recesso per giusta causa

Ciascuno dei contraenti può recedere dal contratto prima della scadenza del termine, se il contratto è a tempo determinato, o senza preavviso, se il contratto è a tempo indeterminato, qualora si verifichi una causa che non consenta la prosecuzione, anche provvisoria, del rapporto. Se il contratto è a tempo indeterminato, al prestatore di lavoro che recede per giusta causa compete l’indennità indicata nel secondo comma dell’articolo precedente.
Non costituisce giusta causa di risoluzione del contratto il fallimento dell’imprenditore o la liquidazione coatta amministrativa dell’azienda.

oppure cerca un altro argomento

Hai trovato questa pagina interessante? Condividila sui Social Network

About Avv. Giuseppe Tripodi (1573 Articles)
Ideatore e fondatore di questo blog, iscritto all'Ordine degli Avvocati di Palmi e all'Ilustre Colegio de Abogados de Madrid; Sono appassionato di diritto e di fotografia e il mio motto è ... " il talento non è mai stato d'ostacolo al successo... "
Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...

4 Comments on Anche gli episodi non gravi se ripetuti giustificano il licenziamento

  1. Articolo consigliato:
    Anche gli episodi non gravi se ripetuti giustificano il licenziamento
    Corte di Cassazione Civile – Sezione Lavoro – Sentenza n. 10959 del 9 Maggio 2013

  2. Articolo consigliato:
    Anche gli episodi non gravi se ripetuti giustificano il licenziamento
    Corte di Cassazione Civile – Sezione Lavoro – Sentenza n. 10959 del 9 Maggio 2013

  3. Articolo consigliato:
    Anche gli episodi non gravi se ripetuti giustificano il licenziamento
    Corte di Cassazione Civile – Sezione Lavoro – Sentenza n. 10959 del 9 Maggio 2013

  4. Articolo consigliato:
    Anche gli episodi non gravi se ripetuti giustificano il licenziamento
    Corte di Cassazione Civile – Sezione Lavoro – Sentenza n. 10959 del 9 Maggio 2013

I commenti sono bloccati.

Invia un articolo