Sentenze in evidenza

Mantenimento anche per il matrimonio a distanza

Vivere un matrimonio a “distanza” non fa perdere il diritto al mantenimento, lo ha stabilito la Cassazione con la Sentenza n. 19349/2011, in cui ha repinto il ricorso presentato un “ex marito” che intendeva chiudere ogni rapporto con la precedente compagna (anche quello relativo al mantenimento di quest’ultima), fondando la propria richiesta sul fatto che con la “ex” si era visto soltanto per brevi periodi, soprattutto nelle vacanze estive e niente di più.
In pratica, vacanze insieme ma vite separate.
Questo modo di vivere della “coppia aperta” non ha interessato la Suprema Corte, che ha ritenuto che la convivenza, più o meno intensa, ben può essere dettata da esigenze o scelte della coppia che non influenzano la comunione spirituale e materiale dei coniugi e, pertnto, non esclude i diritti e i doveri (anche patrimoniali) che nascono dal matrimonio.
La Corte ha comunque rilevato che il motivo della convivenza a distanza era dovuto a ragioni lavorative e la disparità economica tra i due coniugi e, pertanto, correttamente, i giudici di  merito avevano imposto al marito di pagare un mantenimento.
 Mi piace                                                                                home

oppure cerca un altro argomento

Hai trovato questa pagina interessante? Condividila sui Social Network

About Avv. Giuseppe Tripodi (1575 Articles)
Ideatore e fondatore di questo blog, iscritto all'Ordine degli Avvocati di Palmi e all'Ilustre Colegio de Abogados de Madrid; Sono appassionato di diritto e di fotografia e il mio motto è ... " il talento non è mai stato d'ostacolo al successo... "
Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...
Invia un articolo