Sentenze in evidenza

Rapporti tesi tra suocera e genero: la nonna può trattenere temporaneamente il nipotino.

Quando i rapporti tra suocera e genero sono tesi la soluzione è il trattenimento “temporaneo” del nipote da parte di un nonno. Lo ha stabilito la sesta sezione penale della Suprema Corte di Cassazione che, con la Sentenza n. 8076/12, ha annullato senza rinvio “perchè il fatto on sussiste” una condanna per sottrazione di persona incapace nei confronti di una nonna 75enne di Parma che per due pomeriggi aveva trattenuto la nipote a casa sua a causa dei difficilissimi rapporti con il genero “uso a ingiuriarla e a minacciarla”.
La Corte d’Appello aveva ritenuto che il comportamento della nonna avesse gli estremi della sottrazione di persone incapace. Diversamente dai giudici di merito, la Suprema Corte ha invece assolto la nonna ricordando che l’art. 574 c.p. e’ “violato ogni volta che chiunque agisce contro la volonta’ dell’avente diritto, operi una sottrazione o eserciti una ritenzione di quella persona”.
Per la Cassazione deve escludersi “che nella situazione descritta il rifiuto di consegna con trattenimento per poche ore della piccola non ha avuto un rilievo tale da integrare il reato di sottrazione di persona incapace”

Mi piace                                                            home

Cerca un altro argomento
Torna alla Homepage

Loading Facebook Comments ...
Invia un articolo
Email
Print