Sentenze in evidenza

Sentenza – La nascita di un figlio modifica l’assegno divorzile

assegno-divorzio

 

Sentenza – La nascita di un figlio modifica l’assegno divorzile
Corte di Cassazione Civile Sezione VI 1
Ordinanza 30 ottobre 2013, n. 24515

  

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI PALMA Salvatore – Presidente

Dott. BERNABAI Renato – Consigliere

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Consigliere

Dott. DIDONE Antonio – Consigliere

Dott. BISOGNI Giacinto – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:

(OMISSIS), (OMISSIS) e (OMISSIS), elettivamente domiciliate in (OMISSIS), presso lo studio dell’avv. (OMISSIS), rappresentate e difese per procura speciale a margine del ricorso dall’avv. (OMISSIS) che dichiara di voler ricevere le comunicazioni al n. telefax (OMISSIS) e, ai fini di quanto dispone l’articolo 366 c.p.c., e per ogni finalita’ di legge, indica il seguente indirizzo di posta elettronica certificata (OMISSIS);

- ricorrente -

nei confronti di:

(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avv. (OMISSIS), dal quale e’ rappresentato e difeso per mandato a margine del controricorso, che dichiara di voler ricevere le comunicazioni e le notifiche inerenti il presente procedimento al n. fax (OMISSIS) o al seguente indirizzo di posta elettronica certificata (OMISSIS);

- controricorrente -

avverso il decreto della Corte di appello di Palermo, emesso il 7 dicembre 2011, depositato il 23 dicembre 2011, n. R.G. 24/2011;

sentito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. RUSSO Rosario Giovanni;

rilevato che la Corte ha deliberato di adottare la motivazione semplificata della decisione.

FATTO E DIRITTO

Rilevato che in data 10/29 aprile 2013 e’ stata depositata relazione ex articolo 380 bis, che qui si riporta con alcuni adattamenti formali e precisazioni:

1. La controversia ha per oggetto il diritto della (OMISSIS) a percepire dal (OMISSIS) il contributo mensile di mantenimento a favore delle figlie (OMISSIS) e (OMISSIS) nonche’ la revoca del provvedimento di assegnazione della casa coniugale.

2. Il Tribunale di Trapani, con decreto dell’11-16 novembre 2010, aveva respinto la richiesta di (OMISSIS) di eliminazione dell’assegno di mantenimento e accolto la richiesta della (OMISSIS) e delle figlie (OMISSIS) e (OMISSIS) di adeguamento a 1.200 euro mensili del contributo gravante sul (OMISSIS) a titolo di contributo al mantenimento delle figlie maggiorenni non ancora indipendenti economicamente.

3. La Corte di appello di Palermo ha riformato la decisione di primo grado e ha eliminato l’assegno di mantenimento. Ha altresi’ revocato l’assegnazione della casa coniugale in favore della (OMISSIS).

4. Ricorrono per cassazione (OMISSIS), (OMISSIS) e (OMISSIS) deducendo: a) violazione o falsa applicazione di norme, ai sensi dell’articolo 360, comma 1, n. 3, in relazione all’articolo 115 c.p.c., alla Legge n. 898 del 1970, articolo 9, all’articolo 2909 c.c., violazione di legge ex articolo 111 Cost., insussistenza di giustificati motivi sopravvenuti alla sentenza divorzile.

Le ricorrenti lamentano che la Corte di appello abbia accolto il ricorso senza attenersi alla prescrizione, di cui alla Legge n. 898 del 1970, articolo 9, della modificabilita’ della sentenza di divorzio solo in caso di giustificati motivi sopraggiunti; b) omissione, insufficienza e/o contraddittorieta’ della motivazione in relazione a fatto controverso e decisivo per il giudizio, violazione di legge per difetto di argomenti idonei a rilevare la ratio decidendi o, comunque, in quanto la decisione impugnata e’ fondata su argomenti logicamente inconciliabili, insussistenza di giustificati motivi sopravvenuti alla sentenza divorzile. Secondo le ricorrenti il decreto impugnato non ha affatto messo a confronto la situazione esistente al momento della pronuncia da revisionare con quella prospettata in questo giudizio; c) violazione e falsa applicazione di norme ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, in relazione agli articoli 147, 148 e 155 c.c., violazione dell’articolo 111 Cost., difetto di autosufficienza economica di (OMISSIS) e (OMISSIS).

Le ricorrenti contestano la decisione della Corte di appello in quanto ha ritenuto erroneamente raggiunta (cfr. Cass. Civ. n. 407/2007) l’autosufficienza economica di (OMISSIS) e (OMISSIS) sulla base dell’effettuazione di lavori saltuari e precari; d) contraddittorieta’ della motivazione in relazione a fatto controverso e decisivo per il giudizio, violazione di legge per difetto di argomenti idonei a rilevare la ratio decidendi o, comunque, in quanto la decisione impugnata e’ fondata su argomenti logicamente inconciliabili. Le ricorrenti lamentano la carenza della motivazione laddove non ha preso in considerazione la entita’ della retribuzione percepita saltuariamente dalle (OMISSIS) anche in relazione alle aspettative di vita e di inserimento professionale e sociale delle stesse derivanti non solo dagli studi seguiti ma anche dal contesto familiare, qualificato dalla professione di primario ospedaliero del padre e dai suoi consistenti redditi; e) violazione e falsa applicazione di norme ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3, in relazione alla Legge n. 898 del 1970, articolo 6, all’articolo 111 Cost.. Insussistenza dei presupposti per la revoca del provvedimento di assegnazione della casa familiare in quanto misura consequenziale all’eliminazione dell’obbligo di mantenimento delle figlie erroneamente ritenute autosufficienti economicamente.5. Si difende con controricorso (OMISSIS) e si riporta alla giurisprudenza (Cass. civ. 7195/1997, Cass. Civ. 23590/2010) secondo cui il diritto del coniuge di ottenere un assegno per il mantenimento del figlio maggiorenne convivente e’ da escludere quando quest’ultimo, ancorche’ allo stato non autosufficiente economicamente, abbia in passato iniziato ad espletare un’attivita’ lavorativa, cosi’ dimostrando il raggiungimento di un’adeguata capacita’ e determinando la cessazione del corrispondente obbligo di mantenimento da parte del genitore, senza che assuma rilievo il sopravvenire di circostanze ulteriori le quali, se pur determinano l’effetto di renderlo privo di sostentamento economico, non possono far risorgere un obbligo di mantenimento i cui presupposti siano gia’ venuti meno.

Il controricorrente fa rilevare come non si sia verificato, al contrario di quanto ritenuto dal Tribunale, alcun incremento del suo reddito tale da giustificare il mantenimento del suo obbligo di contribuzione e addirittura il suo aumento mentre, al contrario, la sua capacita’ di spesa e’ notevolmente diminuita a seguito della nascita di un figlio dal suo secondo matrimonio.

6. I primi due motivi di ricorso appaiono fondati in quanto la motivazione della Corte di appello non consente di verificare se sia stata adeguatamente valutata la ricorrenza del presupposto della novita’ della situazione occupazionale e reddituale delle parti rispetto a quella esistente al momento della pronuncia della sentenza di divorzio emessa dal Tribunale di Trapani e modificata dalla Corte di appello di Palermo con sentenza del 25 gennaio 2008.

7. Sussistono pertanto i presupposti per la trattazione della causa in camera di consiglio e se l’impostazione della presente relazione verra’ condivisa per la cassazione con rinvio del decreto della Corte di appello di Palermo del 7/23 dicembre 2011.

Ritenuto che tale relazione appare pienamente condivisibile e che pertanto il ricorso per cassazione deve essere accolto quanto ai suoi primi due motivi, restando assorbiti gli altri, con conseguente cassazione del decreto impugnato e rinvio alla Corte di appello di Palermo perche’ riesamini la controversia valutando la controversia nell’ottica dell’accertamento della eventuale ricorrenza di motivi sopravvenuti, rispetto alla situazione accertata dalla sentenza di divorzio, che giustifichino la richiesta di eliminazione o riduzione dell’assegno corrisposto dal (OMISSIS) a titolo di contributo al mantenimento delle figlie maggiorenni e di revoca dell’assegnazione della casa coniugale a (OMISSIS), specificamente in relazione alla situazione economica del (OMISSIS) e delle figlie, all’eventuale conseguimento di uno stato consolidato di indipendenza economica delle figlie e alla cessazione della convivenza di queste ultime con la madre.

P.Q.M.

La Corte accoglie i primi due motivi di ricorso, assorbiti gli altri, cassa il decreto impugnato e rinvia la causa alla Corte di appello di Palermo che, in diversa composizione, decidera’ anche sulle spese del giudizio di cassazione.

Torna all’articolo

oppure cerca un altro argomento

Hai trovato questa pagina interessante? Condividila sui Social Network

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...
Invia un articolo