Sentenze in evidenza

Sentenza – Giudice straniero, competenza, divorzio, matrimonio estero

Sentenza – Giudice straniero, compentenza, divorzio, matrimonio estero
Suprema Corte di Cassazione VI Sezione Civile – 1, ordinanza 10 dicembre 2013 – 24 febbraio 2014, n. 4304
Presidente Di Palma – Relatore Dogliotti

Fatto e diritto

In un procedimento di riconoscimento di sentenza straniera di divorzio tra D.B. e F.S., la Corte d’Appello di Milano con sentenza in data 2/6/2011, dichiarava l’efficacia della predetta sentenza, emessa dal giudice siriano.
Ricorre per cassazione la D.
Resiste con controricorso il F., che pure deposita memoria difensiva.
Questa Corte ( Cass. N. 10378 del 2004; 13556 del 2012) ha avuto modo di precisare che, ai sensi, dell’art. 64 lett. A) L. 218/95, la competenza internazionale del giudice straniero si accerta secondo i principi in ordine ai quali il giudice italiano esercita in casi analoghi la giurisdizione nei confronti dello straniero e, tra tali criteri, vi è il luogo di celebrazione del matrimonio previsto dall’art. 32 medesima legge. Nella specie, è pacifico che il matrimonio tra le parti fu celebrato in Siria e che entrambi i coniugi hanno cittadinanza siriana, oltre che italiana.
Non rileva la pendenza di un procedimento di separazione, necessariamente differente ed autonomo rispetto a quello di divorzio anche con riferimento all’elemento temporale considerato.
Quanto al mancato riferimento alla posizione dei figli minori, ciò non si pone in contrasto con l’ordine pubblico: anche l’ordinamento italiano conosce sentenze, seppur non definitive, che pronunciano sulla separazione o sul divorzio, senza alcun riferimento ai figli. È evidente che fino ad una pronuncia sui figli, in regime di divorzio, rimarranno in vigore le regole assunte in sede di separazione , come da sentenza del giudice italiano. Nulla vieta che i coniugi possano adire il giudice siriano o quello italiano per una diversa regolamentazione.
La natura della causa e la posizione delle parti richiedono la compensazione delle spese.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso; dichiara compensate le spese tra le parti.
In caso di diffusione dei presente provvedimento, omettere generalità ed atti identificativi, a norma dell’art. 52 D.lgs. 196/03, in quanto imposto dalla legge.

Torna all’articolo

oppure cerca un altro argomento

Hai trovato questa pagina interessante? Condividila sui Social Network

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...
Invia un articolo