Sentenze in evidenza

Testo sentenza, assicurazione, risarcimento, furto, danneggiamento, auto

assicurazione_auto

Testo sentenza, assicurazione, risarcimento, furto, danneggiamento, auto

Corte di Cassazione, sezione III Civile
Sentenza 6 novembre 2014 – 17 marzo 2015, n. 5192
Presidente Russo – Relatore Rossetti

Svolgimento del processo

1. Nel 1998 P.M. convenne dinanzi al Tribunale di Vibo Valentia, sezione di Tropea, la società Assitalia s.p.a., esponendo che:
(-) aveva stipulato con la società convenuta un contratto di assicurazione contro il furto della propria vettura modello “Mercedes 250″; (-) nel 1996 il veicolo venne rubato, e rinvenuto a poca distanza dal luogo del furto privo di numerose parti e gravemente danneggiato a colpi d’ascia; (-) l’assicuratore aveva rifiutato il pagamento dell’indennizzo contrattualmente dovuto.
Chiese perciò la condanna della convenuta al pagamento del suddetto indennizzo.
2. La Assitalia si costituì eccependo la prescrizione del diritto, l’improponibilità della domanda (a causa dell’esistenza d’una clausola compromissoria) e la non indennizzabilità del sinistro, sul presupposto che il contratto non coprisse i danni causati da reati diversi dal furto, come il danneggiamento.
3. Con sentenza 25.6.2001 n. 64 il Tribunale di Vibo Valentia accolse la domanda.
La sentenza venne impugnata dalla società soccombente.
La Corte d’appello di Catanzaro con sentenza 4.5.2007 n. 386 riformò la decisione di primo grado e rigettò la domanda di P.M., sul presupposto che:
(a) il veicolo era stato gravemente danneggiato a colpi d’ascia, e tale danno era escluso dalla copertura assicurativa: sia perché non causato dalla circolazione successiva al furto, sia perché causato da un reato contro la proprietà diverso dal furto;
(b) dei danni causati direttamente dal furto o dalla circolazione “non vi fosse prova in atti”.
4. La sentenza d’appello è stata impugnata per cassazione da P.M. in base ad un motivo.
Nel giudizio dinanzi a questa Corte la Assitalia non si è difesa.

Motivi della decisione

1. II motivo di ricorso.
1.1. Con l’unico motivo del proprio ricorso P.M. sostiene che la sentenza impugnata sarebbe incorsa in un vizio di motivazione, ai sensi dell’art. 360, n. 5, c.p.c..
Espone, al riguardo, che in conseguenza del furto il proprio veicolo aveva subito due tipi di danni: danni causati da atti vandalici (colpi d’ascia), e danni derivanti dalla circolazione.
La Corte d’appello, sul presupposto che il contratto non coprisse i danni derivanti da atti vandalici, ha rigettato integralmente la domanda di pagamento dell’indennizzo, senza soffermarsi a spiegare perché mai la domanda fosse stata rigettata anche con riferimento alla richiesta di indennizzo per i danni derivanti dalla circolazione successiva al furto, pacificamente oggetto di copertura assicurativa.
1.2. Il motivo è infondato.
La Corte d’appello non ha affatto trascurato di prendere in esame la domanda di indennizzo dei danni diversi da quelli causati da atti vandalici. L’ha esaminata, ed ha concluso che dell’esistenza di tali danni “non vi è prova in atti” (p. 6, quarto capoverso della sentenza impugnata). Tale statuizione, giusta o sbagliata che fosse, non è stata impugnata dal ricorrente.
Questi infatti si è doluto in sostanza di una omessa pronuncia su una parte della propria domanda, ma non della correttezza o meno della sentenza d’appello nella parte in cui ha ritenuto non provata l’esistenza del danno di cui si chiedeva l’indennizzo.
2. Non è luogo a provvedere sulle spese, attesa la indefensio dell’Assitalia.

P.Q.M.
La Corte di Cassazione:

rigetta il ricorso.

Torna all’articolo

oppure cerca un altro argomento

Hai trovato questa pagina interessante? Condividila sui Social Network

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...
Invia un articolo