Sentenze in evidenza

Sentenze e sondaggio sulla PEC

pecLa Cassazione torna ancora sulla PEC e noi pubblichiamo un sondaggio sul suo utilizzo

La PEC doveva facilitare la vita degli avvocati ma, in alcuni casi, la complica di brutto.

Se da un lato le cancellerie efficienti riescono a notificare tutto semplicemente cliccando un tasto altre invece non sono state in grado di adeguarsi alle nuove tecnologie complicando il lavoro di molti avvocati che, ancora oggi, non sempre ricevono le notizie relative alle udienze scaricando la posta elettronica certificata.

Inizialmente il problema si poneva per quegli avvocati che, avanti con l’età, non volevano adattarsi a questo nuovo strumento e preferivano farsi la c.d. “passeggiata” in cancelleria.

Utilizzando la PEC si è visto che gli avvocati hanno risposto positivamente alla tecnologia che avanza mentre non altrettanto è stato per alcune cancellerie che, forse a causa dell’ingente quantitativo da inviare, non riescono a fornire tramite PEC un servizio eccellente.

I giudici della Cassazione (anche le Sezioni Unite) hanno più volte trattato l’argomento della PEC (ad es. sentenza n. 10143 del 20 giugno 2012)  stabilendo che nel caso in cui il professionista abbia comunicato al proprio ordine l’indirizzo di posta elettronica certificata, la notifica non deve più essere effettuata presso la Cancelleria bensì presso la PEC medesima.

La Cassazione ha ribadito il concetto anche con la recente sentenza n. 6752 del 18 marzo 2013 in cui veniva disposto un rinvio di un processo dopo che era stato emesso il decreto di fissazione dell’udienza ma questo non era stato ritualmente notificato presso la PEC ma in Cancelleria.

Secondo quanto stabilito dall’art. 366 c.p.c. le notificazioni vengono effettuate presso la cancelleria della Cassazione se il ricorrente non ha eletto domicilio in Roma ovvero non ha indicato l’indirizzo di posta elettronica certificata al proprio ordine.

Il concetto è chiaro. Viene utilizzata la PEC per ogni cosa ma a quanti di voi è capitato di non ricevere le notifiche via PEC dopo averla comunicata all’Ordine?

PEC regolari oppure PEC ad intermittenza?

Rispondete al sondaggio

[widget_instance id=”polls-widget-2″ format=”0″]

oppure cerca un altro argomento

Hai trovato questa pagina interessante? Condividila sui Social Network

About Avv. Giuseppe Tripodi (1573 Articles)
Ideatore e fondatore di questo blog, iscritto all'Ordine degli Avvocati di Palmi e all'Ilustre Colegio de Abogados de Madrid; Sono appassionato di diritto e di fotografia e il mio motto è ... " il talento non è mai stato d'ostacolo al successo... "
Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...
Invia un articolo