In evidenza

Cassazione, riservatezza e siti porno al lavoro

pccc

Cassazione, riservatezza e siti porno al lavoro
Suprema Corte di Cassazione Civile Prima Sezione
Sentenza del 1° agosto 2013, n. 18443
(Presidente G. Salmè, Relatore A. Didone)

Con la sentenza che si riporta, la Prima Sezione Civile della Suprema Corte di Cassazione ha trattato il diritto alla riservatezza del dipendente che sul luogo di lavoro accede a siti pornografici.

Nell’occasione la Corte ha affermato che costituiscono dati personali sensibili, ai sensi dell’art. 4 del d.lgs. n. 196 del 2003, in quanto idonei a rivelare la vita sessuale dell’interessato, quelli relativi alla navigazione in internet con accesso a siti pornografici.

Nel caso esaminato dagli ermellini questo era l’oggetto che veniva contestato ad un dipendente da parte del proprio datore di lavoro in sede disciplinare.

Leggi il testo della Sentenza n. 18443-13

Leggi un altro articolo oppure cerca un altro argomento

Se hai trovato questa pagina interessante, condividila!

About Avv. Giuseppe Tripodi (1690 Articles)
Ideatore e fondatore di questo blog, iscritto all'Ordine degli Avvocati di Palmi e all'Ilustre Colegio de Abogados de Madrid; Sono appassionato di diritto e di fotografia e il mio motto è ... " il talento non è mai stato d'ostacolo al successo... "
Loading Disqus Comments ...

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Protected by WP Anti Spam
Invia un articolo