In evidenza

Sentenza – Mancanza di motivazione

avvocati-int

 

Sentenza – Mancanza di motivazione
Suprema Corte di Cassazione III Sezione Penale
Sentenza 9 gennaio – 13 febbraio 2014, n. 6989
Presidente Mannino – Relatore Marini

Ritenuto in fatto

1. Con sentenza in data 25/2/2009 il Tribunale di Palmi, dopo avere dichiarato estinte per prescrizione le contravvenzioni in tema di sicurezza sul lavoro ex legge n.626/1994 e d.P.R. n.547/1955 contestate al solo sig. C. , ha condannato i sigg. R.P. , classe 1974 (quale autista dell’auto-articolato che trasportava e movimentava le condotte), C. (quale legale rappresentante della “Cambareri Giuseppe & C. S.p.a.” e datore di lavoro di alcuni dei protagonisti dell’episodio incriminato, ivi compresa la vittima) e Ca.Mi. (quale addetto al servizio di prevenzione e protezione della società) in quanto responsabili ex artt. 41 e 589 cod. pen. della morte dell’operarlo V.C. che in data (omissis) fu schiacciato sotto il peso (pari a circa 17 tonnellate) di due condotte per il trasporto di metano destinate ad essere posate sul terreno all’interno del cantiere gestito dalla società sopra ricordata. Alla condanna penale ha fatto seguito la condanna degli imputati in solido al risarcimento, da liquidarsi in separata sede, dei danni subiti dalle parti civili M.M.V. e V.S. (ammesse al gratuito patrocinio), V.I. e V.G. , con relativa condanna alla rifusione delle spese sostenute da costoro. Infine, la pena nei confronti di C. e Ca. è stata sospesa subordinatamente all’effettivo risarcimento dei danni.
2. Sull’impugnazione degli imputati la Corte di appello di Reggio Calabria con sentenza del 9/11/2010 ha confermato il giudizio di responsabilità a carico di dei tre imputati e modificato il trattamento sanzionatorio da applicare ai medesimi; ha confermato le statuizioni civili e condannato gli imputati al ristoro delle spese sostenute dalla parti civili.
3. Con sentenza in data 14/3/2012 la Corte di Cassazione ha: Dichiarato inammissibile il ricorso R. ;
– Accolto il ricorso C. e annullato la sentenza nei suoi confronti, con rinvio ad altra Sezione della Corte di appello di Reggio Calabria per nuovo giudizio;
– Annullato senza rinvio la sentenza in danno di Ca. limitatamente alla subordinazione della so