Sentenze in evidenza

Caduta in piscina, omesso controllo e responsabilita’

caduta piscina

Caduta in piscina, omesso controllo e responsabilita’
Suprema corte di Cassazione Quarta Sezione Penale
Sentenza del 21 giugno – 22 ottobre 2013, n. 43168

Piscina – caduta – bambino – responsabilita’ – genitori – gestore – sicurezza – concausa – eccezionalita’ – salute – omesso controllo – omessa sorveglianza – penale

La Cassazione, con la sentenza che si riporta, ha affrontato il tema dell’omesso controllo affermando che “L’omessa sorveglianza del minore – indiscutibilmente addebitabile ai genitori – da un lato era circostanza nota all’imputato (e quindi non imprevedibile) come testé si è osservato. In ogni caso, non costituiva elemento del tutto eccezione (e tantomeno imprevedibile) il fatto che un bambino di tre anni potesse comunque sfuggire al controllo dei genitori. Deve quindi concludersi che il difetto di sorveglianza del minore ha integrato la condizione originaria della produzione dell’evento, ma non la condizione esclusiva. Ha indubbiamente contribuito alla causazione dell’evento letale la mancata adozione delle basilari precauzioni cautelari – ascritte all’imputato – volte ad impedire l’accesso all’area della piscina e dell’acquascivolo in difetto, peraltro, di idoneo servizio di sorveglianza e di custodia.

Inoltre, gli ermellini nella suddetta sentenza specificano che “Né – come in particolare sottolineato dal Giudice di prime cure (sentenza di primo grado fgl. 18) – l’eventuale affidamento riposto dall’imputato nella condotta dei genitori (pur gravati ex art. 147 cod. civ. dell’obbligo di salvaguardare l’incolumità fisica del figlio minore) non poteva valere ad escluderne la colpa, sul rilievo che l’incidenza, agli effetti della produzione dell’evento di concause prevedibili per l’agente, non implica l’interruzione del nesso eziologico giacché “chi è titolare di una posizione di garanzia deve poter prevedere e prevenire le altrui imprudenze ed avventatezze e conseguentemente uniformare la propria condotta ai comuni canoni di accortezza“.

Leggi il testo della sentenza 

oppure cerca un altro argomento

Hai trovato questa pagina interessante? Condividila sui Social Network

About Avv. Giuseppe Tripodi (1570 Articles)
Ideatore e fondatore di questo blog, iscritto all'Ordine degli Avvocati di Palmi e all'Ilustre Colegio de Abogados de Madrid; Sono appassionato di diritto e di fotografia e il mio motto è ... " il talento non è mai stato d'ostacolo al successo... "
Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...
Invia un articolo