Sentenze in evidenza

Cassazione, capacità ed incapacità di testare

Corte di Cassazione - Sentenza n. 2212/2013

Incapacità di testare – Corte di Cassazione – Sentenza n. 2212/2013

Cassazione, capacità ed incapacità di testare
Corte di Cassazione – Sentenza n. 2212/2013

La Corte di Cassazione si è espressa ancora una volta in materia di incapacità di testare e sul conseguente annullamento dell’atto a causa dell’incapacità del de cuius.

Secondo il Codice Civile:

Articolo 591.
Possono disporre per testamento tutti coloro che non sono dichiarati incapaci dalla legge.
Sono incapaci di testare:
l) coloro che non hanno compiuto la maggiore età;
2) gli interdetti per infermità di mente (414);
3) quelli che, sebbene non interdetti, si provi essere stati, per qualsiasi causa, anche transitoria, incapaci di intendere e di volere nel momento in cui fecero testamento.
Nei casi d’incapacità preveduti dal presente articolo il testamento può essere impugnato da chiunque vi ha interesse. L’azione si prescrive nel termine di cinque anni dal giorno in cui è stata data esecuzione alle disposizioni testamentarie (590, 620, 621, 623).

Il caso esaminato dai giudici di Piazza Cavour riguardava un testamento redatto prima di proprio pugno in cui veniva nominato erede un centro per anziani mentre il testamento pubblico, che riportava una data posteriore rispetto a quello olografo e dove venivano nominati eredi altri due soggetti.

Il caso finiva in Tribunale e nella fase di merito sia in primo che in secondo grado i giudici, basandosi sule deposizioni dei testi, sui referti medici e sulla CTU, concordavano che la donna non fosse capace di intendere e di volere nel momento il cui veniva redatto il secondo testamento.

La Cassazione però ha colto l’occasione per chiarire alcuni aspetti importanti sull’argomento e, con la sentenza n. 2212/2013, ha osservato l’ineccepibile considerazione operata dai giudici di merito riguardo alla irrilevanza del fatto che il testamento oggetto della disputa fosse stato redatto da un pubblico ufficiale (il notaio) poichè da questa circostanza non emerge nessuna certezza che il dante causa fosse in grado di comprendere ciò che stava facendo.

Una sentenza che non introduce nulla di nuovo visto gli ermellini già in passato avevano avuto modo di pronunciarsi in tal senso e dove spiegava che appunto che il fatto che il testamento è stato redatto da un notaio non discente sic et simpliciter che il testatore abbia il pieno possesso delle sue capacità mentali.

Nella sentenza oggetto d’esame la Corte ha quindi affrontato anche la questione dell’onere della prova in materia di annullamento del testamento per incapacità e, sul punto si è riportata al consolidato orientamento per cui l’onere di provare che il testamento fu redatto in un momento d’incapacità di intendere e di volere del testatore grava su chi intende dimostrare questa circostanza mentre, sull’altra parte, come è logico, grava l’onere di provare la piena validità dell’atto, come dire… a ciascuno il suo!!!

oppure cerca un altro argomento

Hai trovato questa pagina interessante? Condividila sui Social Network

About Avv. Giuseppe Tripodi (1574 Articles)
Ideatore e fondatore di questo blog, iscritto all'Ordine degli Avvocati di Palmi e all'Ilustre Colegio de Abogados de Madrid; Sono appassionato di diritto e di fotografia e il mio motto è ... " il talento non è mai stato d'ostacolo al successo... "
Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...

5 Comments on Cassazione, capacità ed incapacità di testare

  1. Articolo consigliato:
    Cassazione, capacità ed incapacità di testare
    Corte di Cassazione – Sentenza n. 2212/2013

    La Corte di Cassazione si è espressa ancora una volta in materia di incapacità di testare e sul conseguente annullamento dell'atto a causa dell'incapacità del de cuius.

  2. Articolo consigliato:
    Cassazione, capacità ed incapacità di testare
    Corte di Cassazione – Sentenza n. 2212/2013
    Su chi ricade l'onere della prova?

  3. Articolo consigliato:
    Cassazione, capacità ed incapacità di testare
    Corte di Cassazione – Sentenza n. 2212/2013

  4. Articolo consigliato:
    Cassazione, capacità ed incapacità di testare
    Corte di Cassazione – Sentenza n. 2212/2013
    Osservazioni della Cassazione in materia di testamento

  5. Articolo consigliato:
    Cassazione, capacità ed incapacità di testare
    Corte di Cassazione – Sentenza n. 2212/2013

I commenti sono bloccati.

Invia un articolo