Sentenze in evidenza

Giornali online e oscuramento degli articoli

Giornali online e oscuramento degli articoli
Suprema Corte di Cassazione V Sezione Penale
Sentenza 5 novembre 2013 – 5 marzo 2014, n. 10594
Presidente Oldi – Relatore Fumo

La Cassazione ha esaminato un caso che riguarda la diffamazione a mezzo stampa e l’oscuramento degli articoli online. Abbiamo parlato molto della pubblicazione degli articoli online e della differenza tra le testate giornalistiche e i blog d’informazione, con la sentenza in commento invece la Corte di Piazza Cavour chiarisce le differenze tra le testate giornalistiche “vecchio stile” ovvero i giornali di carta stampata e quelle sul web facendo delle osservazioni sulla possibilità di oscurare gli articoli pubblicati su queste ultime.

Il caso di specie tratta del processo a carico di tre individui, due indagati per il delitto di diffamazione a mezzo stampa (art. 596 c.p.) e l’altro invece indagato con riferimento al delitto di cui all’articolo 57 c.p.

 

giornali-online

 

 

Articolo 595 Codice Penale
Diffamazione

1. Chiunque, fuori dei casi indicati nell’articolo precedente, comunicando con più persone offende l’altrui reputazione, è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a 1.032 euro.
2. Se l’offesa consiste nell’attribuzione di un fatto determinato, la pena è della reclusione fino a due anni, ovvero della multa fino a 2.065 euro.
3. Se l’offesa è recata col mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico, la pena è della reclusione da sei mesi a tre anni o della multa non inferiore a 516 euro.
4. Se l’offesa è recata a un Corpo politico, amministrativo o giudiziario, o ad una sua rappresentanza, o ad una Autorità costituita in collegio, le pene sono aumentate.

Articolo 596 Codice Penale
Diffamazione col mezzo della stampa

Se il delitto di diffamazione è commesso col mezzo della stampa le disposizioni dell’articolo precedente si applicano anche al direttore o vice-direttore responsabile, all’editore e allo stampatore, per i reati preveduti negli articoli 57, 57-bis e 58.

Articolo 57 Codice Penale
Reati commessi col mezzo della stampa periodica

Salva la responsabilità dell’autore della pubblicazione e fuori dei casi di concorso, il direttore o il vice-direttore responsabile, il quale omette di esercitare sul contenuto del periodico da lui diretto il controllo necessario ad impedire che col mezzo della pubblicazione siano commessi reati [528, 565, 596bis, 683, 684, 685], è punito, a titolo di colpa, se un reato è commesso, con la pena stabilita per tale reato, diminuita in misura non eccedente un terzo [36]

Il tribunale del riesame di Roma confermava il decreto di sequestro preventivo degli articoli giornalistici pubblicati sulle pagine web www.ilfattoquotidiano.it ma la questione finiva inevitabilmente dentro le aule del Palazzaccio dove gli ermellini decidevano per l’annullamento del provvedimento impugnato, rinviando tutto per un nuovo esame al Tribunale di Roma al fine di chiarire se i fatti riferiti sui siti web in sequestro siano veri e, ferma la indubbia rilevanza sociale degli stessi, se essi siano stati esposti con la dovuta continenza, vale a dire senza l’utilizzo di espressioni gravemente infamanti e inutilmente umilianti, che dunque trasmodano in una mera aggressione verbale dei soggetto criticato.

Leggi il testo della sentenza

oppure cerca un altro argomento

Hai trovato questa pagina interessante? Condividila sui Social Network

About Avv. Giuseppe Tripodi (1587 Articles)
Ideatore e fondatore di questo blog, iscritto all'Ordine degli Avvocati di Palmi e all'Ilustre Colegio de Abogados de Madrid; Sono appassionato di diritto e di fotografia e il mio motto è ... " il talento non è mai stato d'ostacolo al successo... "
Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...
Invia un articolo